NEI DINTORNI

BELLAGIO

Bellagio è situata sul promontorio della massa di terra che divide in due il lago di Como. Il centro città occupa la punta del promontorio, mentre altri quartieri sono disseminati lungo le rive del lago e sulle pendici delle colline. Le grandi glaciazioni del Pleistocene con i loro imponenti flussi provenienti dalla Valtellina e dalla Valchiavenna modellarono il paesaggio attuale del Lago di Como.
Al giorno d’oggi, un rigoglioso parco di alberi e fiori è favorito da un clima mite e dolce. La temperatura media diurna durante l’inverno è raramente inferiore ai 6-7 ° C, mentre durante l’estate è di circa 25-28 ° C (77-82 ° F), mitigata nel pomeriggio dalla caratteristica breva, la dolce brezza del Lago di Como.
Il centro storico di Bellagio si trova a 350 metri a sud-ovest del promontorio del Triangolo Lariano, tra la Villa Serbelloni sulla collina e il braccio di Como del lago. Sulla punta più lontana del promontorio ci sono un parco e un porto turistico. Parallelamente alla riva ci sono tre strade, Mazzini, Centrale e Garibaldi in ordine ascendente. Tagliandoli tra loro per formare una griglia inclinata sono sette scale di pietra medievali (“salite”) che scorrono in salita. La Basilica di San Giacomo e una torre in pietra, unica reliquia delle difese medievali (“Torre delle Arti Bellagio”), risiedono in una piazza in alto.
Lungo le rive del promontorio di Bellagio si trovano molte vecchie case patrizie, ognuna circondata da parchi e giardini di alberi. Alcuni come Villa Serbelloni e Villa Melzi sono aperti al pubblico.
Proprio dietro la collina del promontorio nel lago, protetta dai venti, si trova il complesso edilizio di Villa Serbelloni. La villa domina il centro storico della città. Può essere raggiunto da Via Garibaldi. Fu costruito nel XV secolo al posto di un antico castello raso al suolo nel 1375. Villa Serbelloni fu successivamente ricostruita più volte. Nel 1788 entrò in possesso di Alessandro Serbelloni (1745-1826) che lo arricchì di preziose decorazioni e opere d’arte dei secoli XVII e XVIII. Oggi è possibile visitare solo i giardini. I sentieri, così come la villa, conducono ai resti del cinquecentesco monastero dei Cappuccini e della Sfondrata, una residenza costruita dalla famiglia degli Sfondrati che si affaccia sul ramo di Lecco.

Villa Melzi d’Eril

Questo importante edificio a strapiombo sul lago fu costruito tra il 1808 e il 1815 dall’architetto Giocondo Albertolli per Francesco Melzi d’Eril, creato da Napoleone Duca di Lodi per il quale ricoprì il ruolo di vicepresidente della Repubblica italiana dal 1802. Dal 1805, con l’avvento del regno napoleonico di breve durata d’Italia, fu il suo cancelliere.

PESCALLO

Il pittoresco villaggio di Pescallo, si trova a sud-est del promontorio di Bellagio, affacciato sul ramo lecchese del lago di Como. Arrivando a Pescallo rimarrete incantati da questo antico paesino incastonato tra il verde e il lago, ricco di numerosi luoghi romantici da scoprire che offrono al visitatore splendidi panorami.
Un tempo noto come villaggio di pescatori, oggi Pescallo è un vero gioiello con un piccolo porto dove si può godere di una splendida vista sul lago, le storiche case del villaggio e gli stretti vicoli che collegano al centro del paese di Bellagio con una breve passeggiata attraverso un scalinata che attraversa il promontorio immerso nella natura tra ulivi e vegetazione mediterranea.

Villa Carlotta

Villa Carlotta è una villa e giardino botanico a Tremezzo. La villa è oggi un museo, la cui collezione d’arte comprende opere di Canova, Thorvaldsen, Migliara e Hayez oltre a mobili d’epoca dei vari proprietari.
La villa e i terreni circostanti si trovano sulla riva del lago a Tremezzo, di fronte alla penisola di Bellagio. Un giardino all’italiana con gradini, fontane e sculture è stato progettato allo stesso tempo.

La villa
La villa si trova nella parte superiore di un giardino terrazzato, da cui si gode la vista su Bellagio e anche sulle montagne che circondano il lago. Si compone di tre piani (due dei quali sono aperti al pubblico). Le opere d’arte esposte si trovano principalmente al piano inferiore, mentre quella superiore, che ha un’elegante galleria, offre una vista sul lago.

Il giardino
Il giardino botanico copre un’area di circa 8 ettari (20 acri) e si compone di diverse sezioni. Immediatamente intorno alla villa, verso il lago, il giardino all’italiana con siepi tagliate e pergolati con alberi di arancio e camelia. Il rododendro e 150 varietà di azalee si estendono lungo il pendio. La proprietà è anche sede di cedri, palme, sequoie, platani e altre piante esotiche. c’è anche un giardino di bambù, che copre 3000 m², che ospita oltre 25 diverse specie di bambù. Una serra che era stata usata in passato per ospitare gli agrumi durante l’inverno è stata trasformata in un museo di vecchi attrezzi agricoli.

VILLA BALBIANELLO

La Villa del Balbianello è una villa nel comune di Lenno (Ramo di Como). Si trova sulla punta della piccola penisola boscosa di Dosso d’Avedo sulla sponda occidentale del ramo sud-ovest del Lago di Como, non lontano dall’Isola Comacina ed è famosa per i suoi elaborati giardini terrazzati.

Un monastero francescano esisteva sulla punta della penisola di Dosso d’Avedo dal 13 ° secolo. Le due torri che rimangono sulla proprietà sono i campanili della chiesa del monastero. Dopo aver fallito nei suoi tentativi di acquistare la vicina Isola Comacina, il cardinale Angelo Maria Durini acquistò la proprietà nel 1785. Nel 1787 convertì l’edificio del monastero in una villa da utilizzare durante l’estate e aggiunse una loggia, che consentiva agli spettatori di otenere due diversi panorami di il lago.
Dopo la morte del cardinale nel 1796, la villa passò al nipote Luigi Porro Lambertenghi. Durante la proprietà di Lambertenghi la villa divenne sede di attività repubblicana e membri dei Carbonari si riunirono qui per discutere l’unificazione dell’Italia. Tra gli ospiti di Lambertenghi nella villa c’erano lo scrittore e patriota Silvio Pellico, che istruiva i figli di Lambertenghi. Nel 1820 Pellico fu arrestato nella villa dal governo austriaco che costrinse Lambertenghi a trasferirsi in Belgio, dove fu sostenuto dalla famiglia Arconati Visconti.

Poco prima dell’inizio della prima guerra mondiale, l’uomo d’affari americano Butler Ames vide la villa per la prima volta. Ha fatto un’offerta per acquistarlo dalla famiglia Arconati Visconti ed è stato inizialmente respinto. Continuava a tornare con offerte di denaro sempre più grandi fino a quando nel 1919 riuscì ad ottenere la proprietà. Ames ha rinnovato la villa e il suo giardino.
Nel 1974, gli eredi di Ames vendettero la villa all’uomo d’affari ed esploratore, il conte Guido Monzino (leader della prima spedizione italiana a scalare l’Everest), mentre Monzino lasciò sostanzialmente invariato l’interno della villa completamente ri-decorato, installando artefatti acquisiti le sue spedizioni, oltre a importanti pezzi di mobili antichi georgiani e francesi inglesi del XVIII e XIX secolo, arazzi di Beauvais, boiserie francesi e tappeti orientali, oltre all’omicidio di Aldo Moro nel 1978 da parte della Brigata rossa. essere sulla loro lista, ha aggiunto un sistema di passaggi nascosti, che collega parti della proprietà.
Monzino morì nel 1988 e lasciò la villa insieme alla maggior parte del Dosso d’Avedo e una dotazione per la manutenzione, al Fondo per l’Ambiente Italiano, il National Trust d’Italia. I suoi terreni ora fanno parte dei Grandi Giardini Italiani.
Oggi la Villa del Balbianello è la più visitata tra le 52 strutture FAI con oltre 100.000 visitatori nel 2017.
Apparenze cinematografiche
Un certo numero di lungometraggi ha utilizzato la villa per girare location, tra cui A Month by the Lake (1995), His Demise con Paul Zukowski (film catastrofico del 2016), Casino Royale (2006). La villa è stata anche utilizzata per le scene di ritiro del lago in Star Wars: Episodio II Attack of the Clones (2002), tuttavia CGI è stato utilizzato al posto della vera facciata dell’edificio.

ISOLA COMACINA

È una piccola isola boscosa sul Ramo Como, amministrativamente una parte del comune di Ossuccio. Si trova vicino alla sponda occidentale del braccio di Como del lago di fronte a un golfo noto come Zoca de l’oli, un nome longobardo che si riferisce alla produzione locale di olio d’oliva su piccola scala. L’isola fu assediata per molto tempo dai Longobardi sotto Authari che rilasciò Francio per fuggire alla capitale di Narses a Ravenna.  I Longobardi hanno trovato l’isola per contenere “molte ricchezze” depositate per essere custodite dai lealisti romani locali.
L’isola fu invasa nel 1169 da Federico Barbarossa e dai soldati della città di Como. Nel 1175, Vidulfo, il vescovo di Como, imprecò contro l’isola con le seguenti parole: “Le campane non suoneranno mai, le rocce non saranno mai messe l’una sopra l’altra, nessuno farà qui il lavoro del pubblicano, la punizione una violenta Morte.”
Nel 1919 l’isola fu donata al Belgio, in omaggio al re Alberto I. L’isola fu restituita l’anno seguente.
Pietro Lingeri costruì tre case sull’isola nel 1939. La sua idea era quella di trasformare l’isola in una colonia per artisti. Le case sono state costruite in uno stile razionalista, realizzato con materiali locali e senza molta decorazione.
L’isola ora consiste in un ristorante, un caffè, una collezione di siti archeologici e le tre case degli artisti.

OSSUCCIO

La chiesa romanica di Santa Maria Maddalena presenta un’insolita torre campanaria slanciata con un campanile rampicante in cima. La chiesa di San Giacomo del XII secolo ospita antichi affreschi. Ossuccio gode di entrambi i mondi: il lungolago e la bellezza naturale delle montagne.
La città è più conosciuta per il suo sito patrimonio dell’UNESCO, il Sacro Monte. I sentieri collegano il gruppo di cappelle di montagna e santuari sparsi nella zona circostante. È stato nominato un sito del patrimonio per il suo significato spirituale e il modo in cui integra il Rinascimento e l’architettura alpina nel contesto naturale di laghi, colline e foreste. E’ un luogo di pellegrinaggio dal 1600.

NESSO

La famosa gola di Nesso, localmente conosciuta come Orrido di Nesso, probabilmente una delle migliori meraviglie naturali che si possano trovare intorno al lago.
Goditi una splendida vista della cascata dal Ponte della Civera, un ponte romanico in pietra. È un vero paradiso per gli amanti della natura.

VILLA OLEANDRA

La settecentesca Villa Oleandra a Laglio è la ben nota residenza estiva di George Clooney, che dal 2002 ha scelto questo tranquillo villaggio situato sulla sponda occidentale del Lago di Como per trascorrere le sue vacanze, a volte in compagnia di altre celebrità di Hollywood. Ovviamente, la presenza di Clooney ha portato un po ‘di trambusto a Laglio, che all’improvviso è diventato una destinazione per un esercito di paparazzi, fan e semplici mendicanti al punto che il Comune ha approvato un regolamento ad hoc per proteggere la privacy dell’attore. Secondo questo regolamento, è vietato il transito nelle immediate vicinanze dell’ingresso della villa (anche in riva al lago). L’ordine chiaramente non si applica ai residenti di Laglio.

Il complesso di Villa Oleandra è presente nelle mappe catastali di Laglio dal 1720, anche se con forme diverse rispetto allo stato attuale. Nel 1834, i proprietari dell’epoca, la famiglia Stoppani, costruì una prima unificazione dell’edificio con il terreno circostante, poi completato nel 1868 dalla famiglia Antognini. Nel 1877, l’edificio, che corrispondeva all’ultimo piano attuale, passò alla famiglia Vitali. Nel frattempo, l’intero complesso era stato trasformato in una residenza, come dimostrato da una riproduzione del 1848. Durante il XX secolo Villa Oleandra fu venduta a proprietari americani, l’ultimo dei quali era la famiglia del miliardario John Heinz.

Nell’estate del 2001, gli eredi del “King of ketchup” fornirono aiuto a George Clooney, abbandonato dalla sua Harley-Davidson appena fuori le porte della villa. L’attore americano, che stava facendo un giro sulle possenti Alpi a bordo della sua moto, si innamorò a prima vista di Villa Oleandra, soprattutto per la vista mozzafiato che si vedeva dalle sue finestre, e presto decise di comprarla per circa 10 milioni di dollari. Da allora, la porta del palazzo di lusso, situato in Via Vecchia Regina 20 e circondata da un grande giardino botanico, è stata attraversata da numerose celebrità di Hollywood, tutti ospiti di George Clooney, tra cui Cindy Crawford, Brad Pitt, Matt Damon, Catherine Zeta Jones e Michael Douglas.

VILLA GAETA

Questa villa dove è stato girato James Bond si trova a San Siro, circondata da un bellissimo parco con sentieri, panchine e una fontana illuminata. Nella primavera del 2006, il film Casino Royale è stato girato davanti a questa villa (l’ultima scena del film quando Bond incontra Mr. White).
Questa villa si trova sul Ramo di Como, vicino a San Siro e Menaggio.

VARENNA

Varenna fu fondata dai pescatori locali nel 769 e in seguito fu alleata del comune di Milano. Nel 1126 fu distrutta dal comune rivale di Como e in seguito ricevette i profughi dall’Isola Comacina, che avevano incontrato lo stesso destino (1169). Le attrazioni principali sono il Castello di Vezio, un piccolo museo dedicato al Lariosaurus (un rettile marino del Triassico medio relativo alle tartarughe), nonché i bellissimi giardini di Villa Monastero.
Villa Monastero, tra Varenna e Fiumelatte, è oggi un museo, un giardino botanico e un centro congressi. Fu fondato come monastero cistercense nell’XI o XII secolo.

CORENNO PLINIO

Il castello di Corenno Plinio, frazione di Dervio, ha una storia secolare e al giorno d’oggi è uno dei castelli meglio conservati della Lombardia.
Costruita tra il 1363 e il 1370 su antiche rovine romane, per volontà della famiglia di Andreani, ha una forma quadrata, anche se irregolare, e due torri: una quadrata risalente all’XI secolo (lato nord e visibile quando si è in viaggio ) e uno di forma C all’ingresso del castello in Piazza Garibaldi.
Piazza Garibaldi, con il suo pavimento di ciottoli, ti lascia respirare il passato medievale di Corenno Plinio e ti accoglie con il suo castello e la chiesetta dedicata a San Tommaso Beckett di Canterbury, con le sue tombe neogotiche della famiglia di Andreani.
Il castello di Corenno Plinio è un castello murato e fu costruito e utilizzato come rifugio per gli abitanti locali per proteggersi dagli attacchi degli invasori. Le sue mura robuste costruite con la pietra locale sono adornate da merli.
In realtà il castello è ancora una proprietà privata, ma è visitabile.

ABBAZIA DI PIONA

L’abbazia si trova in cima a una piccola penisola, l’Olgiasca, che – come un dito storto – indica il lago, creando un’insenatura.
La chiesa originale di Santa Giustina fu fondata nel VII secolo; le rovine di un’abside dietro l’attuale chiesa di San Nicola appartengono a questo originale edificio. Una nuova chiesa fu aggiunta qualche secolo dopo.

La posizione, sebbene lontana dalla città principale, era su una rotta militare di importanza fondamentale nelle guerre dei tempi.

LECCO

Lecco è una città di 48,131 abitanti in Lombardia, nel nord Italia, a 50 chilometri a nord di Milano, il capoluogo della provincia di Lecco. Si trova alla fine del ramo sud-orientale del Lago di Como. Le Alpi bergamasche si ergono a nord e ad est, attraversate dalla Valsassina di cui Lecco segna il limite meridionale. Il lago si restringe per formare il fiume Adda, quindi furono costruiti ponti per migliorare le comunicazioni stradali con Como e Milano. Ci sono quattro ponti che attraversano il fiume Adda a Lecco: il Ponte Azzone Visconti, il Ponte Kennedy e il Ponte Alessandro Manzoni e un ponte ferroviario. La sua economia era basata sull’industria, ma ora è principalmente terziaria. Lecco è stata anche Città alpina dell’anno 2013.

COMO

La vicinanza al Lago di Como e alle Alpi ha fatto di Como una meta turistica. La città contiene numerose opere d’arte, chiese, giardini, musei, teatri, parchi e palazzi: il Duomo, la basilica di San Abbondio, Villa Olmo, i giardini pubblici con il Tempio Voltiano, il Teatro Sociale, il Broletto (il municipio medievale della città) e la Casa del Fascio del XX secolo.
Con 215.320 ospiti durante la notte, nel 2015 Como è stata la quarta città più visitata della Lombardia dopo Milano, Bergamo e Brescia.
Como ha dato i natali a molte figure storiche, tra cui il poeta Cecilio menzionato da Catullo nel I secolo aC, gli scrittori Plinio il Vecchio e il giovane Papa Innocenzo XI, lo scienziato Alessandro Volta e Cosima Liszt, seconda moglie di Richard Wagner.